FISIOLOGIA DEL GUSTO. MEDITAZIONI DI GASTRONOMIA TRASCENDENTE

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

“La gastronomia […] ci offre, nel breve corso della vita, la sola gioia che, non essendo seguita da stanchezza, ci riposa da tutte le altre”. Ecco riassunto perfettamente il senso del testo di Brillat-Savarin, “Fisiologia del gusto”, pubblicato nel 1825, e che rappresenta la prima riflessione organica sul rapporto tra uomo e cibo, il primo tentativo, pienamente riuscito, di dare all’arte della cucina e della tavola lo stato e la dignità di scienza. Leggendolo oggi facile riconoscerlo come pionieristico.

 

 

 

 

di Anthelme Brillant Savarin, ed. Slow Food, Bra (CN) 2008 

 

 

 

 

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/6″][/vc_column][/vc_row]