LA BIRRA CHE FA STORIA

birra

Birra Peroni digitalizza il proprio Archivio Storico e mette online, a disposizione di tutti, un patrimonio oggettuale, audiovisivo e documentale unico.

Ogni azienda, piccola o grande che sia, ha una storia che s’interseca con quella delle donne e degli uomini che vi hanno lavorato e del territorio che l’ha ospitata. Non una sola storia quindi, ma tante e diverse, che spesso vale la pena di scoprire e raccontare per riuscire a comprendere meglio un popolo e le sue caratteristiche. È su questo assunto che si fonda la Settimana della Cultura d’Impresa, una rassegna di molteplici iniziative, ideata e organizzata da Confindustria e Unimprese, per stimolare le aziende italiane a ricercare la propria eredità storica e culturale. Il 2021 è l’anno della ventesima edizione della manifestazione: un traguardo importante per un evento capace di mobilitare l’impegno di realtà produttive di ogni settore e di ogni dimensione, con l’obiettivo comune di valorizzare il legame tra l’impresa e il progresso dell’area su cui opera. Sono molte le società che negli anni hanno raccolto l’invito e scelto di rendere pubblici i propri documenti e i propri materiali, realizzando un museo o un archivio storico: tra queste, anche Birra Peroni che, per raggiungere un numero sempre maggiore di persone, tenendo in considerazione anche le limitazioni legate all’emergenza pandemica, ha puntato sul digitale, inaugurando pochi mesi fa un Museo Virtuale e ora un Archivio Storico online.

 

 

175 anni di storia italiana

Benché senza un’opportuna spiegazione possano sembrare poco significativi, i numeri dell’Archivio Storico digitale di Birra Peroni sono impressionanti: 175 anni di vita aziendale, più di 500 metri lineari di documentazione cartacea, 1.400 pellicole, 250 video di comunicazione istituzionale e pubblicitaria e 1.500 tra scatti fotografici e fotoriproduzioni di oggetti, macchinari e attrezzi. Si tratta senza dubbio di un patrimonio oggettuale, audiovisivo e documentale preziosissimo, completamente inventariato su supporto digitale e ora in larga parte disponibile online, che percorre anche le tappe fondamentali della storia industriale e sociale italiana. Il racconto si snoda lungo anni di intuizioni imprenditoriali, ricerca e sviluppo, correndo parallelamente all’evoluzione dei consumi e del costume del Bel Paese dalla fine dell’Ottocento ai giorni nostri.

L’Archivio Storico di Birra Peroni è uno dei primi archivi d’impresa valorizzato in Italia; tutelato dal Ministero della Cultura sin dal 1996 e aperto al pubblico alla fine degli anni Novanta per ragioni di studio e di divulgazione culturale, il suo inventario è stato pubblicato nelle Collane delle pubblicazioni degli Archivi di Stato. Il nucleo più antico delle carte aziendali corrisponde alla documentazione prodotta dall’azienda tra gli ultimi decenni dell’Ottocento e il 1950: scritture sociali, libri contabili, registri del personale, corrispondenza, documentazione relativa all’amministrazione del personale e all’attività produttiva e commerciale della sede centrale, degli stabilimenti e delle società progressivamente acquisite. Un nucleo ulteriore di documentazione copre i decenni dal 1960 circa a oggi. L’incarico di digitalizzare i vari tasselli di un racconto così affascinante è stato affidato agli esperti di Promemoria, società specializzata nella valorizzazione digitale degli archivi aziendali.

«L’Archivio Storico – ha commentato Daniela Brignone, curatrice dell’Archivio Storico e del Museo Birra Peroni – è il luogo dove conserviamo i resoconti d’innovazione e visione che hanno animato la vicenda imprenditoriale di Birra Peroni e accompagnato le tappe più significative della storia di questo Paese. Un patrimonio di passione ed eccellenza che ci rende orgogliosi e ci ispira ancora oggi a guardare al futuro con spirito da pionieri e che, grazie alla digitalizzazione, vogliamo tenere nel flusso dell’innovazione continua.»

 

Un rinnovamento che parte dalle radici

Sia il progetto di digitalizzazione dell’Archivio sia il lancio del Museo Virtuale sono parte dell’ampio piano di aggiornamento dell’immagine aziendale di Birra Peroni che trova nel concetto di “eredità culturale” un’importante chiave di sviluppo e che ha portato al restyling del logo e al lancio del nuovo sito istituzionale (in cui sono ora integrati sia il Museo sia l’Archivio). Dati i notevoli sforzi compiuti per portare alla luce l’ingente patrimonio storico, Birra Peroni ha scelto di presentare l’intero lavoro proprio nell’ambito degli eventi realizzati per la XX Settimana della Cultura d’Impresa e, in particolare, durante l’incontro intitolato “Tra analogico e digitale. Comunicazione e cultura d’impresa oltre la crisi” tenutosi lo scorso 7 dicembre all’Università Sapienza di Roma.  In quell’occasione, i curatori del progetto hanno avuto modo di riflettere insieme ai ricercatori di BiblHuB Sapienza – Biblioteca di Ricerca Sociale, Informatica, Comunicazione – sulla sfida digitale e sulle potenzialità delle nuove tecnologie nel racconto della cultura d’impresa.

Anna Francioni

anna.francioni@cibiexpo.it

 

 

Un patrimonio a portata di clic

Consultare l’Archivio Storico digitale di Birra Peroni è semplice: basta visitare il sito archiviostorico.birraperoni.it  e scegliere il percorso che più interessa tra i 3 proposti:

  • Birra Peroni e l’Italia: i momenti istituzionali
  • Birra Peroni: le nostre comunità
  • Società e costume nella comunicazione Peroni

Verremo immediatamente catapultati indietro nel tempo, alla scoperta dei momenti che più hanno caratterizzato la storia di Birra Peroni e dell’Italia: il susseguirsi dei governi, le varie tendenze, l’evoluzione dei costumi e della comunicazione negli anni e tanto altro.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

Iscriviti alla nostra newsletter e resta aggiornato
sul mondo del cibo.