WATER ALLIANCE: UNA RETE VIRTUOSA PER L’ACQUA PUBBLICA

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Presentata la nuova rete lombarda per la gestione pubblica dell’acqua, una novità assoluta nel panorama regionale e nazionale. A meno di un anno dalla sua nascita, si celebrano i primi passi di un modello virtuoso di gestione pubblica dell’acqua. Il progetto di Water Alliance, la nuova rete di aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, è stato presentato dal presidente del Gruppo CAP, Alessandro Russo, il 29 febbraio a Milano, a Palazzo Lombardia. Sono intervenuti Roberto Scanagatti, presidente ANCI Lombardia,  Giovanni Bordoni, presidente Confservizi Lombardia, Claudia Maria Terzi, assessore regionale all’Ambiente, il presidente dell’Authority Guido Bortoni e il presidente di Utilitalia Giovanni Valotti. 

 

 

water

 

 

“Sono fiero di rappresentare questa rete – ha affermato Alessandro Russo -. Una risposta a chi vorrebbe mettere in discussione la gestione pubblica nel servizio idrico. Chiediamo che le aziende pubbliche possano beneficiare delle stesse regole delle società private”. La principale forza aggregante di Water Alliance è il sistema di valori, caratterizzato dall’assenza di logiche di profitto, dalla vocazione all’eccellenza, dal legame con i territori, dall’attenzione alla sostenibilità ambientale e dalla focalizzazione sulla qualità. Al progetto oggi partecipano 8 aziende idriche, che nei prossimi 5 anni investiranno più di 800 milioni di euro nel potenziamento e ammodernamento delle infrastrutture: Gruppo CAP (area metropolitana di Milano), BrianzAcque (Monza), Lario Reti (Lecco), Padania Acque (Cremona), Pavia Acque (Pavia), SAL (Lodi), SECAM (Sondrio), Uniacque (Bergamo). Insieme servono quasi mille Comuni, dove erogano ogni anno oltre 500 milioni di metri cubi d’acqua.

 

Better water, better job, “acqua migliore, lavoro migliore”: è il tema che quest’anno ha fatto da filo conduttore alla Giornata Mondiale dell’Acqua, indetta dalle Nazioni Unite e celebrata come sempre il 22 marzo. Secondo le stime dell’Onu, oggi quasi la metà dei lavoratori del mondo – 1,5 miliardi di persone – fanno lavori che hanno a che fare con l’acqua: una quantità sufficiente di acqua e la sua qualità possono cambiare la vita dei lavoratori, trasformando le società e le economie. Il Gruppo CAP, sensibile a questi temi, è stato coinvolto in una serie di iniziative proprio per la Giornata Mondiale dell’Acqua. Inoltre, per la rassegna “Fa’ la cosa giusta!”, CAP ha promosso  un confronto, “Better water, better job: le opportunità green per il lavoro di domani”, dedicato ai giovani che si approcciano al mondo del lavoro.

 

 

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/6″][/vc_column][/vc_row]

 

Iscriviti alla nostra newsletter e resta aggiornato
sul mondo del cibo.