“VIVA” IL VINO E LA SOSTENIBILITÀ

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

 

grapes

 

Del progetto VIVA – La sostenibilità nella viticoltura in Italia abbiamo già parlato una volta. Ma vista l’importanza del progetto, nato nel 2011grazie al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e alla collaborazione scientifica del Centro di Ricerca per l’agricoltura sostenibile OPERA, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, e il Centro di Competenza Agroinnova dell’Università di Torino, gli dedichiamo un’altra pagina.

VIVA sta per Valutazione dell’Impatto della Vitivinicoltura sull’Ambiente

L’obiettivo che si pone il progetto è misurare le prestazioni di sostenibilità della filiera vite-vino ed individuare azioni di miglioramento.

Come lo fa? Misurando in modo scientifico, raccontando, promuovendo e diffondendo la sostenibilità di aziende vitvinicole. Gli indicatori fondamentali attorno ai quali si muove il progetto sono: aria, acqua, vigneto e territorio.VIVA misura infatti le emissioni di gas ad effetto serra associate direttamente e indirettamente alla produzione di una bottiglia di vino e l’acqua dolce consumata per la produzione della stessa; valuta le attività aziendali che influenzano la biodiversità; mostra se e in che misura le aziende soddisfano i requisiti socio-economici-culturali e ambientali. Ecco perché partecipare. È facile e importante!

Per maggiori informazioni visitare il sito

 

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/6″][/vc_column][/vc_row]