VENDING MACHINE

vending machine, le macchinete

Ovvero distributori automatici, protagonisti di un mondo variegatissimo e in continua evoluzione.

Vado a prendere qualcosa alla “macchinetta”. Mi basta scriverlo, per rivedermi in università durante qualche corso o un esame lunghissimo, ma anche in una pausa caffè al lavoro o assetata d’estate in una stazione sperduta.

 

 

L’Italia – non lo sapevo prima di questo articolo – è leader a livello mondiale sia per produzione di distributori automatici sia per numero d’installazioni sia per quote d’utilizzo: un italiano su due sceglie ad esempio le macchinette per la propria pausa caffè. Non solo. Come scriveva alcuni giorni fa Il Sole 24 Ore, chi pensa che i distributori automatici siano sinonimo di cibo spazzatura o d’impatto non sostenibile dei trasporti e del packaging si dovrebbe ricredere: sempre più spesso, bicchieri, palette e plastica degli imballaggi vengono riciclati, e l’offerta dei prodotti comprende bevande biologiche o a zero zuccheri, snack biologici e gluten free, prodotti a km 0.

Dal 1883, anno nel quale, in Inghilterra, è stata realizzata la prima vending machine per cartoline, al giorno d’oggi, i distributori automatici si sono evoluti da tutti i punti di vista: dalla varietà e qualità dei prodotti offerti alla tecnologia. Gli schermi sono touch; dei software ne permettono la gestione da remoto e delle app consentono pagamenti cashless.

Il primo a utilizzare le macchinette per vendere cibo è stato Stollwerck, un cioccolataio tedesco capace, nel 1893, di collocare le sue tavolette in 15.000 distributori, affiancandole a sigarette, fiammiferi, prodotti detergenti e gomme da masticare. Dedicate solo a queste ultime, negli stessi anni, apparvero diverse vending machine nelle stazioni di New York.

Nel corso dei decenni, l’offerta si è ampliata tantissimo. Se sigarette, profilattici, cibo e snack, chewing gum e caramelle, foto, biglietti e giornali sono le cose alle quali siamo più abituati, le opzioni sono ormai molte di più. In Australia e in Olanda potete trovare le patatine fritte calde, in Michigan le esche vive per pescare, a San Francisco le baguette appena sfornate (ne avevamo già parlato qui: https://www.cibiexpo.it/le-bread-xpress/), in Italia (e adesso anche in Inghilterra, dove la cosa è diventata molto popolare) le pizze fatte al momento: Let’s Pizza, distributore sviluppato in Italia, oggi rilevato dall’azienda croata SFB, combina acqua, farina, salsa di pomodoro e gli altri ingredienti freschi per fare la pizza in circa 3 minuti, cuocendola in un forno a raggi infrarossi. Pronti ad assaggiare?

Marta Pietroboni

marta.pietroboni@cibiexpo.it

 

 

 

C’è di più

Altri esempi di quello che c’è in giro per il mondo: succhi freschi appena spremuti, burritos, champagne, marijuana, pacchetti regalo; a Chicago si vendono prodotti appena raccolti in campagna, a Las Vegas caviale! E qual è il Paese con più distributori automatici al mondo? Il Giappone. Qui potete trovare veramente quasi tutto il necessario per vivere!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

Iscriviti alla nostra newsletter e resta aggiornato
sul mondo del cibo.