UNA MELA AL GIORNO TOGLIE IL MEDICO DI TORNO

Numerosi studi internazionali hanno dimostrato che il consumo giornaliero di mele può avere effetti benefici sulla concentrazione del colesterolo plasmatico (il plasma è la parte liquida del sangue, ndr). Considerando che le malattie cardiovascolari sono causate principalmente da uno squilibrio dei livelli delle lipoproteine circolanti, in particolare di LDL (“colesterolo cattivo”) e HDL (“colesterolo buono”) e che è in continuo incremento la domanda di rimedi complementari e/o alternativi ai farmaci, abbiamo studiato, in collaborazione con il Consorzio di Tutela della Melannurca Campana IGP, se questa cultivar, geograficamente e morfologicamente molto diversa dalle altre, avesse la capacità, consumata quotidianamente, di incidere significativamente sui valori del colesterolo.

 

 

La_melannurca

 

Dopo solo otto settimane di sperimentazione, è risultata la più efficace, determinando una rilevante riduzione media dei livelli di Colesterolo Totale TC (-8.3%) e del Colesterolo LDL (-14.6%) ma, cosa molto più importante, incrementando i valori medi di Colesterolo HDL di ben il 15.2%. Mentre per tutte le altre cultivar studiate, Granny Smith, Golden  e Red Delicious, Fuji, la riduzione è risultata compresa solo tra il 2-4%.

 

Piccola, ma potente

 

I risultati dello studio indicano che la Melannurca Campana IGP possiede proprietà salutistiche tali da farne un alimento funzionale (cioè un alimento che ha effetti positivi su una o più funzioni dell’organismo, ndr), in grado di contribuire alla prevenzione del rischio cardiovascolare. Questo in prospettiva apre la possibilità di un riposizionamento della Melannurca Campana IGP nel mercato ortofrutticolo. È auspicabile un incremento di utilizzo non solo del frutto, ma anche di una serie di prodotti di trasformazione, che potranno fare da volano alle aziende produttrici e trasformatrici della regione.

Sulla base di questi risultati inoltre è stato formulato un prodotto nutraceutico in capsule (ciascuna corrispondente a 3 mele), registrato con il nome di AppleMetSTM (AMS). Il nutraceutico AMS ha permesso di conseguire ottimi risultati sul controllo del colesterolo, già dal primo mese di assunzione, confermati nei mesi successivi. Al progetto AppleMets è stato assegnato il Premio Nazionale Oscar Green 2016 per la categoria Social Innovation.   

Dunque il consumo quotidiano di due mele Annurca, o l’utilizzo costante del prodotto nutraceutico, può favorire un ottimale ripristino del profilo colesterolemico. In particolare, di notevole interesse sono gli effetti sui livelli delle HDL, considerando che a oggi nessun rimedio, farmaceutico o naturale, si è rivelato efficace nell’incrementare in modo significativo i livelli del cosiddetto colesterolo buono.

 

Prof. Ettore Novellino, Ordinario Chimica Farmaceutica

Direttore Dipartimento Farmacia Università Federico II di Napoli    

                                                                              

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter e resta aggiornato
sul mondo del cibo.