SLOW COOKING PER TUTTI – TECNICHE ANTICHE E MODERNE DI COTTURA LENTA

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Un manuale dedicato a tutti coloro che desiderano tornare ad assaporare gli arrosti della nonna, quelli che rimanevano a cuocere per ore e ore: il tempo che si dilata diventa complice di un rito, l’attesa carica i sapori e i profumi di un ingrediente soggettivo che rimanda al ricordo di un camino di famiglia e delle delizie che cuocevano sulle sue braci… “Quando sta per arrivare il Natale“, ci racconta Arianna Gandolfi “apro la scatola delle ricette e cerco ispirazioni…Solitamente vince la voglia di arrosti e brasati, ovvero cotture lente, nonostante implichino una grande pianificazione. Come dice Cristina Scateni, autrice di Slowcooking per tuttinon sono le ricette a cambiarvi la vita, ma le tecniche che, una volta imparate, vi consentiranno di raggiungere grandi risultati. Non facciamoci quindi spaventare dalle lunghe cotture, ma concentriamoci sui trucchi necessari per ottenere carni tenere e gustose. Le cotture slow, infatti, non sono necessariamente complesse, ma accomunate dalla gratificazione di un risultato altrimenti irraggiungibile”. 

 

 

 

 

“Uno degli aspetti più divertenti di questo libro, a mio parere, è la possibilità di cimentarsi in ricette poco consuete, ma assolutamente fattibili anche in appartamento, come ad esempio la cottura dello stufato nella pentola norvegese, o l’affumicatura di un nasello utilizzando trucioli di legno non  trattati. Per non parlare poi delle zuppe fatte al forno solare, strumento da usare in campeggio in sostituzione del fornelletto a gas.  Ma Slowcooking per tutti è però, in primis, un libro coach con importanti suggerimenti tecnici adatti a tranquillizzare anche il più ansioso dei cuochi: la parola slow non spaventerà più nessuno perché, conosciute le basi, sarà possibile portare a termine anche le ricette apparentemente più complicate. Non servirà più affidarsi alla fortuna per avere arrosti teneri se seguirete con attenzione gli insegnamenti di questo manuale. “La cottura lenta in forno, infatti, dà risultati eccellenti soprattutto con la carne. Occorre quindi abbandonare le titubanza e provare a credere. Prima di cuocere lentamente in forno, le carni in particolare devono essere sottoposte a rosolatura per innescare la famosa reazione di Maillard, cioè la cottura nell’olio o in un altro grasso a una temperatura compresa tra i 130° e i 180°C che serve per creare un’uniforme e saporitissima crosticina marrone. (..) Successivamente la potrete cuocere in forno”.

Studiate, cucinate e cimentatevi nelle cotture lente. Interiorizzate la parola slow e lasciate alle materie prime il giusto tempo per trasformarsi. Non rinunciate alla parola slow, spesso resa un’utopia dalla frenesia delle nostre vite. Grazie a Slow Cooking per tutti avrete tra le mani una guida da consultare per riscoprire sapori antichi e cimentarvi in tecniche di cottura lenta, mai così familiari.

di Cristina Scateni, ed. Ponte alle Grazie (FI) 2013

 

 

 

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/6″][/vc_column][/vc_row]