QUEL SAPORE DEL SUD CHE SA DI ESTATE

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Non stiamo parlando di un condottiero d’altri tempi, ma del Limoncello, uno dei prodotti più famosi del Made in Italy. Lo bevono tutti, anche i più giovani, perché con il suo gusto intenso e il sapore fresco riesce a evocare l’estate anche nel più freddo degli inverni. Non si sa chi lo abbia inventato, ma in uno dei luoghi più famosi per la sua produzione, la Costiera Amalfitana, c’è chi narra la storia della famiglia Farace. Pare che la ricetta sia stata creata agli inizi del ‘900 da una donna caprese, Maria Antonia, che l’ha poi consegnata ai posteri. Solo molti anni dopo un pronipote ha registrato il marchio “Limoncello” creando così un pezzo di storia. A Vietri sul Mare (Salerno) l’azienda Tresoli produce liquori artigianali dal 1998 seguendo le antiche ricette che ogni famiglia campana si tramanda di generazione in generazione.

 

 

limoncello copia

 

 

«Produciamo il Limoncello, ma anche il Mandarinetto e il Finocchietto, oltre a tutte le creme con questi frutti – racconta Alfonso Trezza, titolare della ditta  – e non abbiamo mai tempi morti, perché ogni frutto ha il suo periodo di maturazione e noi lo lavoriamo appena colto». È questo il segreto di un ottimo limoncello: avere dei limoni di eccelsa qualità e non farli seccare. «Il limoncello si produce tutto l’anno cominciando da dicembre-gennaio con il verdello (il limone non completamente maturo, ndr) – racconta Alfonso Trezza – mentre il liquore al finocchietto selvatico si comincia a lavorare a inizio autunno, quando i semi sono belli aperti e pieni di sapore. Il Mandarinetto, invece, si fa da dicembre in poi». Il gusto di questi liquori è particolare e noto a tutti, anche se c’è una sottile differenza tra quelli industriali e quelli artigianali. Non tutti i palati sanno distinguerla, ma credeteci, quando i limoni sono freschi e profumati, qualcosa cambia. La ricetta è un po’ lunga, ma molto semplice, e vale la pena provare a farsi un bel liquore in casa.

 

 

Come preparare il limoncello

 

Ingredienti

-10 limoni medio-grossi, amalfitani o sorrentini

-1200 g di zucchero

-1200 ml d’acqua

-1 lt di alcol puro a 95°.

 

 

Il limoncello passo a passo                                                               

Sbucciate i limoni senza intaccare la parte bianca; mettete le bucce insieme a 750 ml di alcol in un vaso chiuso ermeticamente e conservate per un mese, al buio. A scadenza del periodo di macerazione, bollite il liquido con le bucce e unite lo zucchero. Una volta freddo, aggiungete la restante parte di alcol e conservate per altri 40 giorni, sempre al buio. A fine periodo, vi basterà filtrare tutto e imbottigliare. Il segreto è servire il limoncello molto freddo, in bicchierini ghiacciati.

Bianca Senatore

 

 

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/6″][/vc_column][/vc_row]

 

Iscriviti alla nostra newsletter e resta aggiornato
sul mondo del cibo.