NATALE S’AVVICINA

Questo sarà un Natale davvero particolare e, vista la situazione delicata del nostro Paese, potrà essere considerato come un “numero zero”, assolutamente diverso dalle feste degli anni passati. Molti negozi, ai quali eravamo affezionati e dove sapevamo di poter trovare i prodotti esclusivi di nostro gradimento, hanno purtroppo chiuso e dovremo ricercare nella grande distribuzione quelli alternativi e della miglior qualità possibile.

 

 

 

 

Per non farsi trovare impreparati e dover cercare all’ultimo momento cose introvabili o carissime, è bene programmare la lista di prodotti alimentari per pranzi e cene di casa, e poi, per i regali da fare a familiari e amici, ricorrere al “fai da te”, sempre gradito ma, di questi tempi, necessario. Vediamo ora le categorie merceologiche alle quali riferirci, naturalmente non deperibili: pensando alla vigilia di Natale, per la quale è previsto un menù “di magro”, bisogna pensare a:

 

  • pasta e riso
  • legumi secchi
  • pesce sottovuoto (dalla pescheria di fiducia) che abbia durata di almeno dieci giorni
  • se si desiderano crostacei, meglio ricorrere a quelli “congelati a bordo”

il dessert, non deperibile.

 

Per il pranzo di Natale, ci si deve approvvigionare per tempo di:

 

  • pasta e riso
  • formaggi non deperibili come Parmigiano Reggiano o Grana Padano o Trentingrana con almeno 24 mesi di stagionatura
  • altri formaggi stagionati
  • uova
  • latte a lunga conservazione
  • pesce sottovuoto
  • cappone, tacchino, pollame in genere, e carni diverse, possibilmente sottovuoto
  • vini e bevande
  • panettone o pandoro
  • torroni di tipo tradizionale
  • frutta secca come mandorle, noci, nocciole, datteri, fichi secchi, ecc.
  • una discreta quantità di cioccolato fondente, con un rapporto di cacao al 70% se si desidera realizzare anche dolcetti-regalo.

 

Se decidiamo di fare doni di tipo gastronomico, sarebbe opportuno scegliere i dolci, facili da preparare, ricordando che:

 

  • devono essere di piccole dimensioni
  • i contenitori devono essere abbastanza consistenti e grandi a sufficienza per evitare che dolcetti e biscotti, se friabili, si possano rompere
  • se si tratta di cioccolatini, è bene farli solidificare in luogo fresco e non in frigorifero per evitare che possano sciogliersi prima della consegna
  • se si tratta invece di conserve o di confetture preparate da noi, è bene seguire attentamente tutte le norme igieniche di preparazione e la sterilizzazione.

 

Toni Sàrcina

altopalato@altopalato.it

www.altopalato.it