L’ACQUA COME FORZA MOTRICE

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Bienno in Val Camonica, nella lombarda provincia di Brescia, fa parte di un club particolare, quello dei borghi più belli d’Italia. Qui è ancora in attività un antico mulino ad acqua, ubicato in un edificio del 1400, trasformato in mulino-museo dal Comune.
Il funzionamento di questo tipo di macchina è semplice: l’acqua, convogliata da canali artificiali, cade sulle pale della ruota idraulica e la fa girare. La ruota ha denti di legno che s’innestano in una serie d’ingranaggi di ferro collegati alla macina, formata da due mole di pietra, quella superiore rotante, con un foro centrale attraverso il quale scendono i chicchi dei cereali, l’altra fissa. Dai chicchi polverizzati si ricavano le farine.

 

 

mulino

 

 

A Bienno è ancora possibile acquistare la farina appena macinata, setacciata e raccolta in un’enorme cassa di legno.

 

 

Gli amici dei mulini

 

Convinti che i mulini storici in Italia e nel mondo costituiscano un patrimonio da salvaguardare e valorizzare, studiosi e simpatizzanti hanno dato vita nel 2011 all’Associazione Italiana Amici dei Mulini Storici. Un primo obiettivo è censire e catalogare i mulini esistenti. Un altro è stimolare la creazione di cantieri di restauro e ristrutturazione di edifici dotati spesso di un interessante valore storico e architettonico. In questo modo, oltre a promuovere una specifica forma di turismo, si potrebbe rilanciare un’attività capace di trasformare in ottime farine i prodotti dell’agricoltura biologica.

In coerenza con questi propositi a San Vittore Olona, comune della città metropolitana di Milano, sono iniziati gli interventi per realizzare il progetto Reti Nel Parco Dei Mulini. Tra gli obiettivi, la riqualificazione del paesaggio con i suoi corridoi fluviali in un territorio caratterizzato dalla presenza di numerosi mulini (il Mulino Meraviglia, il Mulino Visconti, il Mulino del Miglio, il Mulino Moroni), oltre che da importanti elementi architettonici come il Castello di Legnano, la fortezza del XIII secolo voluta da Ottone Visconti.

Per chi è sensibile al fascino dei mulini si segnala infine che ogni anno si organizzano le Giornate europee dei mulini (nel maggio 2016 la sede è stata l’Italia), con numerose adesioni degli opifici che per funzionare sfruttano l’energia idraulica, come segherie, magli per la lavorazione dei metalli, frantoi, pile da riso.

 

La Redazione

 

 

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/6″][/vc_column][/vc_row]

 

Iscriviti alla nostra newsletter e resta aggiornato
sul mondo del cibo.