FIORI DI ZUCCA

Generalmente con questo termine ci si riferisce ai fiori dal colore giallo intenso della pianta della zucchina.

 

 

 

 

C’è da dire che anche la pianta della zucca produce fiori edibili, in questo caso più piccoli e profumati. In ogni caso, i più conosciuti e utilizzati in cucina sono quelli provenienti da Cucurbita pepo, cioè la comune zucchina.

 

Raccolta e reperibilità

Dal fruttivendolo o nel reparto ortofrutta del supermercato vi sarà capitato di vederli sia attaccati all’ortaggio da cui prendono il nome sia raggruppati in mazzetti. La differenza non sta solo nella presentazione. Infatti, quando fanno capolino dalla zucchina, si tratta di fiori femminili, mentre quelli disposti in un bouquet sono maschili. Questo perché la pianta che li produce è monoica, ovvero possiede organi riproduttivi di sesso diverso sullo stesso individuo, in fiori separati.

È importante scegliere come momento per la raccolta la sera ed evitare di prelevarne solo di un tipo o, eventualmente, prediligere quelli maschili, in modo che possa avvenire l’impollinazione e la pianta sia produttiva.

La stagione in cui maturano è quella primaverile/estiva, ma la coltivazione in serra li rende reperibili sul mercato anche in altri periodi.

 

Proprietà nutrizionali e utilizzo in cucina

Sono ipocalorici e facilmente digeribili – essendo composti perlopiù di acqua –, contengono anche le vitamine A, C, B1, B2, B3 e B9, nonché calcio, ferro, fosforo, potassio e magnesio.

Ai fornelli sono particolarmente versatili e possono essere utilizzati sia crudi che cotti per diverse preparazioni: antipasti, insalate, primi, torte salate, contorni e fritture.

Andrebbero cucinati poco dopo la raccolta per evitare che appassiscano; nel caso dei fiori maschili si può prolungare la freschezza immergendo i gambi in acqua.

Prima di cuocerli, è consigliabile eliminare il pistillo o l’eventuale presenza di polline perché possono avere un sapore amaro.

 

Fiori di zucca alla romana

Un classico della tradizione capitolina, ormai diffuso in tutta Italia.

Preparazione:

  1. pulire delicatamente i fiori di zucca con un panno umido, avendo cura di non romperli;
  2. mondarli eliminando spine, pistillo e polline;
  3. preparare una pastella con acqua frizzante fredda e farina;
  4. farcire ogni fiore con un pezzetto di provatura (un formaggio laziale) o di mozzarella, ma non di bufala perché troppo acquosa, e uno di acciuga sott’olio;
  5. immergerlo nella pastella, cercando di tenerlo ben chiuso (avvitando le estremità dei petali);
  6. friggere in olio di semi ben caldo.

Caterina Marcucci

cat.marcucci@hotmail.it

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

Iscriviti alla nostra newsletter e resta aggiornato
sul mondo del cibo.