FILIPPO CALLIPO: “QUALITÀ PRIMA DI TUTTO”

Per tutti “Pippo”, Presidente dell’omonima grande azienda di Maierato (Vibo Valentia), è persona assai piacevole e solare nel vero senso della parola. Filippo Callipo non perde mai la calma e, cosa assai rara di questi tempi, è amatissimo da tutti i suoi collaboratori che, insieme a lui e ai suoi due figli Giacinto e Filippo Maria, contribuiscono al successo di ben 6 attività, tutte nel territorio, vanto del comparto economico-industriale della Calabria e dell’Italia.

 

 

 

 

Gli domando: scusi Pippo, come fa a mantenere la barra dritta sul tema della “qualità prima di tutto” in tempi così frenetici, quando tutto è affidato alla velocità, spesso a scapito proprio della qualità?

 

La nostra azienda principale, dedicata alla conservazione del tonno, ha compiuto ben 107 anni; il fondatore, il mio bisnonno Giacinto, a cui si deve il nome della prima società, diede da subito un impulso alla selezione del prodotto e alla qualità, condizione essenziale per riuscire a essere fra i primi in questa attività.

 

All’inizio, certamente il ciclo di produzione era più artigianale e, soprattutto, “manuale”; poi, nel tempo, mentre si succedevano le generazioni (io rappresento la quarta e i miei figli saranno la quinta), tutto si è evoluto, anche se, proprio per garantire la qualità, molte operazioni sono ancora fatte a mano come, per esempio, l’inserimento del tonno nei vasetti di vetro.

 

 

Ma da dove arriva il prodotto?

 

Un tempo si lavorava solo il tonno rosso del Mediterraneo di questo territorio, ma il periodo di pesca è breve ed è concentrato nella tarda primavera-estate e, per molti anni, abbiamo lavorato stagionalmente; poi, per avere un’attività costante che ci consentisse di espanderci e di impegnare le maestranze tutto l’anno, per le altre stagioni selezioniamo tonni provenienti dall’Oceano Indiano, con la garanzia di un prodotto costantemente di grande qualità, mentre per la stagione indicata proseguiamo con il tonno rosso del Mediterraneo, di altissimo pregio.

 

 

So che avete avuto molte soddisfazioni, grazie a queste caratteristiche.

 

Non posso negare, con un certo orgoglio, che il nostro lavoro – e, per “nostro”, intendo quello della mia famiglia e di tutti i collaboratori, tra i quali un grosso ruolo è stato ricoperto dalle donne – sia stato premiato con numerosi attestati di benemerenza. Ne segnalo alcuni: nel 1938, il 18 maggio, la nostra azienda ricevette il “Brevetto di fornitrice della Real Casa” che ci autorizzava a imprimere lo stemma di Casa Savoia su tutte le confezioni.

 

C’è poi una nota di vanità personale che riguarda me poiché, nel 2005, il Presidente della Repubblica, Carlo Azelio Ciampi, mi conferì la nomina di Cavaliere del Lavoro. Aggiungo anche la particolare targa che un altro Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dedicò alla nostra azienda in occasione del centenario e anche lo speciale francobollo emesso sempre per il centenario nel 2014. Ce ne furono molti altri ma preferisco fermarmi qui.

 

 

 

 

I suoi figli collaborano in azienda?

 

Oltre all’attività principale dedicata alla conservazione del tonno e di altre varietà ittiche, abbiamo realizzato nuove iniziative con i “Gelati Callipo” a Pizzo Calabro, borgo vocato da sempre alla produzione artigianale di gelati di alta qualità; abbiamo un’azienda abbastanza grande che produce ed esporta in Italia e all’estero ottimo gelato.

 

Poi abbiamo avviato un’attività agricola per la produzione di materie prime come frutta, agrumi in particolare, che confluiscono nella più recente attività conserviera con procedimenti di alto livello qualitativo; inoltre, in questo territorio, abbiamo costruito e dato avvio a un Resort per le vacanze di grande fascino e comfort. Di queste attività si occupano i miei due figli, Giacinto 35enne e Filippo Maria 25enne. Ma, ecco, sta passando Giacinto; può chiedere a lui direttamente qualcosa in più sulle attività sue e di suo fratello.

 

 

Ne approfitto, e faccio le domande a Giacinto: è vero che sei il “creativo” di famiglia?

 

Ma no, mi sono limitato a suggerire e seguo alcune varianti sui prodotti, con ingredienti sfiziosi da aggiungere ad alcune confezioni di tonno, che stanno avendo molto successo: per esempio, peperoncino, ‘nduja, tartufi, lenticchie e timo, pomodori secchi, patate e rosmarino e altri ancora. Poi ho dato lo spunto e seguo da vicino la “Gelati Callipo” con grandi soddisfazioni: è a Pizzo, dove il fondatore Giacinto creò la Callipo.

 

 

E le altre attività?

 

Mio fratello Filippo Maria segue in particolare il “Popilia Country Resort”, un bell’insediamento a Maierato. Per non farci mancare nulla, mio padre ha anche fondato la “Callipo Sport”, una squadra di pallavolo di Vibo Valentia che ottiene grandi risultati.

 

 

Una domanda personale: Pippo com’è in azienda con te e tuo fratello, un “padre-padrone”?

 

Assolutamente no; è un vero “pater familias”, sempre uguale sia in azienda, sia a casa, sia con noi, sia con tutti i collaboratori e gode della stima e dell’affetto di tutti.

 

Toni Sàrcina

altopalato@altopalato.it

www.altopalato.it