MERCATO MEDITERRANEO

Dal 23 al 26 novembre prenderà forma, alla Fiera di Roma, MERCATO MEDITERRANEO – Cibi, Culture, Mescolanze, la prima Esposizione internazionale dedicata a tutta la filiera agroalimentare, che ripercorrerà epoche e trasformazioni principali della civiltà del Mediterraneo, coinvolgendo i tre continenti che si affacciano sul “mare nostrum” (Europa, Asia, Africa), con 5 aree espositive su una superficie di 30.000 mq

 

Mercato Mediterraneo_Cous Cous 2

 

Molto più della “solita” fiera, è la proposta culturale che mancava alla città di Roma: un viaggio espositivo attraverso il Mediterraneo, dedicato allo sviluppo rurale, finalizzato a valorizzare il cibo, chi lo produce e chi lo consuma, con un’inedita rappresentazione dei luoghi, dei sapori, dei prodotti e delle tradizioni locali. Per quattro giorni, Roma diventerà Capitale del Mediterraneo e il suo polo fieristico si trasformerà in un vero e proprio grande mercato alimentare, luogo di incontro e discussione su cui convergono culture e civiltà differenti, legate all’alimentazione. 

 

Mercato Mediterraneo 4

Food corner, showcooking e itinerari del gusto, certo, ma soprattutto storie e linguaggi millenari, arte, cultura e musica, nuovi scenari e contaminazioni legati al “mangiare mediterraneo”, che troveranno spazio nel fitto programma di incontri, percorsi tematici didattici, laboratori, workshop e TEDtalk, tutti gratuiti previa prenotazione, sui temi più caldi legati al food in un’ottica mediterranea.

 

 

E’ un’occasione unica per incontrare volti e protagonisti del panorama culturale e politico, italiano e internazionale, assistere a lectio magistralis, prendere parte a incontri formativi e tavole rotonde. Una visita a Mercato Mediterraneo permetterà, quindi, di incontrare produttori, chef, operatori e aziende nazionali e internazionaliassaggiare ed acquistare specialità di territori lontani e creare relazioni, portando a casa un bagaglio di nuove esperienze.

 

Mercato Mediterraneo 1

Con Mercato Mediterraneo – spiega Pietro Piccinetti, Amministratore Unico di Fiera Roma – colmiamo un vuoto del panorama fieristico e offriamo al territorio una manifestazione che fonde affari e cultura, scambi e storie, sapori e saperi, partendo dai prodotti agroalimentari, da sempre veicolo di identità e al tempo stesso integrazione e mescolanze. Fiera Roma punta sul Mediterraneo e la sua ricca tradizione di prodotti della terra, che è insieme cultura, salute, economia e storia”.

 

 

Fonte: Comunicato Stampa INC

 

 

Articolo pubblicato il 17-10-2017
articoli correlati