KANPAI – PERCHÉ IL GIAPPONE NON È SOLO SUSHI

Via Melzo 12, 20129 Milano - tel. 02 38269862

 

kanpai

 

Non ci dedichiamo quasi mai alle nuove aperture, ma questa ci ha incuriosito e contiamo di andare a scoprire presto se la realtà corrisponderò alle aspettative.

Sembra finalmente un ristorante giapponese in cui scoprire qualcosa della tradizione culinaria nipponica, lontana dal modaiolo sushi (modaiolo e fonte di tutti i possibili disturbi di salute di cui tanto si è parlato in  questi anni).

Come leggiamo nel comunicato stampa e scopriamo sbirciando, il ristorante Kanpai prende ispirazione dalle Izakaya, tipici locali nipponici dove in maniera informale si beve sakè e si mangiano piatti tradizionali  – il nome deriva infatti da “i” (sedersi), saka (sake) e ya (negozio) – e nasce dalla passione di tre giovani soci verso il paese del Sol Levante che sperano di far conoscere anche agli italiani la più genuina tradizione gastronomica del paese. 

 

kanpai3

 

Cucina

Tecniche di preparazione come la fermentazione e la marinatura sono alla base del menu, alle quali si aggiungono fritture, cotture a bassa temperatura o alla griglia, per piatti che nascono con l’idea di essere condivisi tra i commensali. Troverete ad esempio l’otsukuri, degustazione di pesce crudo marinato con salsa nikiri alla yuzu; black cod con yakinasu (polpa di melanzane arrosto); Kushikatsu (kushi significa griglia, katsu cotoletta di maiale), con panco giapponese e salsa tonkatsu, e il Tsukemono un cavolo cinese allo yuzu macerato e fermentato.

 

kanapai2Cocktail Bar

Per chi ama bere non mancheranno drink dal sapore orientale, ovviamente sakè, di cui sono state accuratamente selezionate molte etichette, whisky e gin giapponesi.

 

Ah, prenderete posto tra lanterne, tipiche dei locali giapponesi (che scendono dal soffitto di una delle due sale), arredi semplici, colori caldi e rilassanti, ma per non perdere il contatto con la forte contemporaneità e urbanità del Giappone di oggi, vedrete muri volutamente lasciati grezzi e nella sala principale un murales con installazioni video al suo interno (dell’artista Alessandro Di Vicino, in arte Gaudio). L’opera realizzata ricorda uno dei tanti vicoli molto animati della metropoli giapponesi e gli schermi installati trasmettono immagini pop e moderne..

Fonte: Comunicato stampa

 

 

Articolo pubblicato il 16-02-2018
articoli correlati